la knowledge di Cerved su imprese, credito e data innovation

dicembre 2019

22° pillola: L’insolvenza di gruppo

Tra le principali novità del Codice della Crisi vi è senz’altro da segnalare l’introduzione, nel nostro ordinamento, della disciplina della crisi nell’ambito dei gruppi di imprese, con particolare riguardo al concordato preventivo

Tool & Educational crisi di impresa
obblighi organizzativi
novembre 2019

Crisi d’impresa: gli obblighi organizzativi e l’impatto sulle PMI

Il nuovo Codice della crisi d'impresa introduce obblighi organizzativi: le imprese dovranno dimostrare di avere strumenti di gestione forward looking del rischio d’impresa. I costi di questo passag­gio – sia in termini economici, sia in termini di acquisizioni delle necessarie competenze – non sono trascurabili

cridi d'impresa
novembre 2019

21° pillola: Le procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento

Le procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento sono: il piano di ristrutturazione dei debiti, il concordato minore e la liquidazione controllata. Vediamole insieme

anticipo fatture
novembre 2019

Invoice trading: cosa è e come funziona

Una alternativa al credito bancario deriva dal matrimonio tra finanza e tecnologia. Così nasce l’Invoice Trading (o Invoice Financing, o ancora in italiano “anticipo fatture”) che oggi è possibile gestire completamente on-line grazie a piattaforme di finanziamento digitale dedicate alle imprese.

ESG
novembre 2019

Finanza sostenibile (ESG): l’impatto della green economy sulla distribuzione del credito

Negli investimenti di lungo periodo non si analizzeranno più solo i dati “finanziari”, ma saranno sempre più importanti i fattori ESG (Environmental, Social and Governance) che giocheranno un ruolo fondamentale nel determinare il rischio e il rendimento di un investimento

Crisi d'impresa
novembre 2019

20° pillola: L’esdebitazione

L'esdebitazione consiste nella liberazione dai debiti e comporta l’inesigibilità dal debitore dei crediti rimasti insoddisfatti nell’ambito di una procedura concorsuale che prevede la liquidazione dei beni. La riforma introduce significative modifiche sia con riferimento ai soggetti destinatari sia con riferimento all’ambito oggettivo di applicazione.Vediamole insieme

Il servizio del debito
ottobre 2019

DSCR l’indice utilizzato da banche e imprese per individuare la crisi d’impresa

Per individuare precocemente una crisi d’impresa, si è diffuso l’utilizzo dell’indice finanziario prospettico Debt Service Coverage Ratio (DSCR). L’indice è di primaria importanza per le imprese, nell’ottica della riforma fallimentare, e per le banche per verificare la sostenibilità del debito

ristrutturazione preventiva
ottobre 2019

19° pillola: La direttiva UE n. 172 del 20 giugno 2019 in tema di ristrutturazione preventiva ed esdebitazione

L’obiettivo della direttiva è contribuire al corretto funzionamento del mercato interno, nonché eliminare gli ostacoli all’esercizio delle libertà fondamentali, quali la libera circolazione dei capitali e la libertà di stabilimento, che derivano dalle differenze tra le legislazioni e procedure nazionali in materia di ristrutturazione preventiva, insolvenza, esdebitazione e interdizioni

Crisi d'impresa
ottobre 2019

18° pillola: Gli accordi di ristrutturazione dei debiti

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti sono conclusi dall’imprenditore, anche non commerciale e diverso dall’imprenditore minore, in stato di crisi o di insolvenza, con i creditori che rappresentino almeno il sessanta per cento dei crediti e sono soggetti ad omologazione ai sensi dell’articolo 44

Educazione Finanziaria
ottobre 2019

Riforma crisi d’impresa: cosa cambia per l’imprenditore?

Il testo del Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 14 febbraio 2019 e ha l’obiettivo di riformare in modo organico la disciplina delle procedure concorsuali. Molte le cose che cambiano per l'imprenditore. Vediamole insieme. “Mese dell’Educazione Finanziaria” (#OttobreEdufin2019)

Crisi d'impresa
ottobre 2019

17° pillola: I piani di risanamento

Il Codice della crisi dedica ai piani di risanamento una specifica norma: l’art. 56 “Accordi in esecuzione dei piani attestati di risanamento”. E’ questa la grande novità della Riforma atteso che, come noto, i piani di risanamento, nella legge fallimentare, non erano stati destinatari di una autonoma disciplina ma trovavano (e troveranno ancora fino al prossimo anno) la propria fonte normativa nell’ambito dell’art. 67 dedicato alla revocatoria fallimentare e, in particolare, alle esenzioni da tali azioni

Educazione Finanziaria
ottobre 2019

Conosci il tuo bilancio? Sai quali indici sono importanti per la banca?

Analizza il tuo bilancio sapendo cosa valuta la banca quando chiedi un finanziamento. Adotta una struttura di bilancio in sintonia con le aspettative degli istituti di credito per facilitare il dialogo con la banca. “Mese dell’Educazione Finanziaria” (#OttobreEdufin2019)

concordato preventivo
ottobre 2019

16° pillola: Il voto nel concordato preventivo. L’omologazione

Il Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza prevede modalità di voto espressa, da manifestare telematicamente. Il voto è per iscritto, a mezzo pec inviata al commissario giudiziale.L’eliminazione dell’adunanza è figlia delle direttive della legge delega che ha previsto, come misura più snella per l’esercizio del diritto di voto, quella telematica.

Resta aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi tutti gli aggiornamenti, non ti perderai neanche un articolo!

Iscriviti