Il nuovo Osservatorio su fallimenti e chiusure del secondo trimestre 2019, rileva che nei primi sei mesi di quest’anno sono cresciuti i casi di chiusura aziendale, più sensibili alla congiuntura economica, come le liquidazioni volontarie e i concordati preventivi, mentre prosegue il calo dei fallimenti, che invece fotografano casi di crisi aziendali che vengono più da lontano.

Secondo i dati tratti dagli archivi Cerved tra marzo e giugno sono fallite 2.844 imprese, portando il totale di procedure nei primi mesi dell’anno a quota 5.691 società, in calo del 5,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I miglioramenti hanno riguardato tutte le forme giuridiche e i settori economici ma non tutta la Penisola, con incrementi in diverse regioni italiane: significativi gli aumenti in Sardegna, Abruzzo e Veneto (che blocca la riduzione dei default nel Nord-Est).


Tornano ad aumentare le procedure concorsuali non fallimentari (+7,3% su base annua), soprattutto per effetto della crescita dei concordati preventivi: tra gennaio e giugno 2019 sono state presentate 296 domande di concordato, un dato lontano dai picchi osservati durante le fasi più acute della crisi, ma in aumento del 18% rispetto ai minimi dello stesso periodo del 2018. Calano drasticamente le liquidazioni coatte amministrative (-43%) in accelerazione rispetto al primo semestre del 2018 (-15,5%).


In base alle stime nel secondo trimestre del 2019 hanno avviato chiusure volontarie 14 mila società, cui corrisponde un aumento del 6,2% su base annua. L’aumento segue quello degli ultimi mesi del 2018 e dei primi tre mesi del 2019, confermando un peggioramento delle aspettative di profitto degli imprenditori: il totale di liquidazioni nella prima metà dell’anno sale a quota 31 mila, in crescita del 4,3% su base annua: punte di aumento, sopra il 10%, si evidenziano in Piemonte e Friuli. Si riduce invece il numero di “vere” società di capitale (-6,1%), ovvero imprese che hanno presentato un bilancio in almeno uno dei tre anni precedenti alla liquidazione.



Leggi l’articolo con i dati del secondo trimestre 2019