Settore Sicurezza Informatica in Italia: le tendenze off e online dal 1 al 30 Ottobre 2018 evidenziano l’interesse dei media online per un settore in costante crescita. Aumentano gli investimenti e nascono start up specializzate, a fronte dell’entrata in vigore del GDPR e dei danni ingenti causati lo scorso anno dagli attacchi informatici a Imprese ed Istituti di Credito.

L’analisi effettuata da Cerved[1] mette in evidenza le tematiche maggiormente dibattute sulla Stampa e le testate online, con focus sulle tendenze di settore veicolate dagli utenti social italiani.

Nel mese di Ottobre il numero di articoli pubblicati sulle principali testate online, dedicati alla Sicurezza Informatica, hanno superato quota 2.200 (vedi Grafico 1) raccogliendo circa 3.200 azioni di engagement (like, condivisioni, commenti). Sul social Twitter i post scritti da utenti italiani che hanno citato l’argomento sono poco più di 800 e hanno generato circa 1.800 azioni di engagement[2]. Gli articoli pertinenti pubblicati sulle testate cartacee sono circa 280 e i contenuti più ripresi, come vedremo in dettaglio, sono piuttosto differenti rispetto alle tendenze online.

 

Grafico 1

sicurezza informatica

[1] La raccolta e l’analisi dei dati è effettuata dal team Media Data Acquisition and Enrichment. Parco fonti monitorate dalla tecnologia proprietaria: oltre 200 mila testate online italiane, oltre cento testate cartacee nazionali e locali, e il canale Twitter. La pertinenza delle citazioni viene vagliata da un team di redattori/analisti.

[2] Nel mese di Ottobre il Settore Fintech ha generato oltre 10.000 azioni di engagement (il 90% prodotto dalle testate online, e il rimanente da Twitter), articoli cartacei: 95. Per il settore M&A le azioni sono state circa 3.000 generate per la quasi totalità dalle testate online; articoli cartacei: 211.


Il Grafico 2 identifica i picchi di engagement. In dettaglio: tra il 1 e il 15 Ottobre spiccano Blackrock – le scommesse lunghe e corte sulle banche italiane: vincenti gli istituti che puntano sulle soluzioni digitali e investono in sicurezza informatica; Ritorna il malware (rootkit) che non va via neanche se formatti; Facebook, rischio multa Ue fino a 1,63 miliardi dopo attacco hacker; I “Campioni dell’innovazione 4.0” premiati a Lugano: il premio della categoria Cybersecurity è assegnato all’azienda O.E.

 

Grafico 2

sicurezza informatica

OmniBus Engineering SA attenta alla formazione del personale nella gestione ed utilizzo dei sistemi di backup informatici; Ricerca – Trasformazione digitale, ecco le competenze che servono: soprattutto le aziende dei comparti Telco-Tecnologie e Media e del settore servizi dichiarano una mancanza totale di figure specializzate in Data Analytics, Big Data e Artificial Intelligence e una significativa carenza di professionisti esperti in Cloud Computing (90%), social media e comunicazione digitale (90%) e Cyber Security (80%).

Tra il 16 e il 31 Ottobre un paio di picchi importanti: Confindustria – Come potenziare gli incentivi e formare le competenze: primi tra tutti vanno ricordati i servizi per la cybersecurity che oggi rappresenta una pre-condizione per mettere in sicurezza i dati aziendali che con le tecnologie 4.0 viaggiano su Internet; In Toscana, con sedi a Pisa e Firenze, il primo centro Cybersecurity Italia: Università toscane e Cnr, sotto l’ombrello della Regione, metteranno in comune esperienze scientifiche e capacità tecnologiche, laboratori, metodi, strumenti e capitale umano a vantaggio dell’intero sistema toscano, pubblico e privato.

Tra le notizie più riprese dalle testate cartacee emergono focus di taglio più macroeconomico e politico: Occidente contro i servizi russi, cyberattacchi su scala globale; Il cybercrime è fuori controllo 122 attacchi gravi ogni mese; Vertice UE, Mattarella riceve al Quirinale il presidente del Consiglio Conte, i ministri interessati e parla di Brexit, migranti, cyber security, per i paesi dell’Eurozona, il futuro del progetto dell’unione bancaria; Parte a Malta il primo fondo europeo regolamentato che opera sulle criptovalute: si chiama ConsulCoin Cryptocurrency Fund, è stato creato grazie all’expertise di Consulcesi Tech, hi-tech company leader nell’ambito della Blockchain e della Cybersecurity.