Continua la contrazione del credito bancario alle imprese lombarde, nonostante queste presentino profili più solidi rispetto al passato. Infatti al primo trimestre 2017, il credito segna un nuovo calo (-0,2%), che porta i finanziamenti erogati ad un nuovo minimo storico (230,2 miliardi). Riduzione che ha riguardato principalmente le costruzioni (-9,4%), con l’industria che rimane stabile sui livelli dell’anno precedente (+0,4%) e i servizi che tornano a crescere dopo 5 anni (+2,7%).

Lo stock di sofferenze raggiunge un nuovo record (33,4 miliardi), ma, considerando le nuove sofferenze, la tendenza ha iniziato ad invertirsi. Per quanto riguarda le chiusure, ancora in calo i fallimenti, mentre tornano a salire procedure non fallimentari e liquidazioni volontarie.

Questo è quanto emerge dal quarto numero dell‘Osservatorio trimestrale  Credito e rischio delle imprese – La Lombardia a confronto con Emilia Romagna, Veneto e Piemonte,  un monitor sulle condizioni del credito e del rischio delle imprese lombarde di Cerved e Assolombarda.