La quota di prestiti bancari destinata alle medio-grandi imprese della Lombardia è pari all’87% del totale, mentre solamente il 13 % dei prestiti va alle piccole imprese. Il dato più preoccupante però riguarda le tendenze: il credito alle imprese più piccole è in diminuzione da due anni a ritmi del 3%. Viceversa, i prestiti alle società con almeno 20 addetti crescono, ma a un ritmo sempre più debole (+0,3% nel terzo trimestre 2017).

Le imprese della Lombardia si rafforzano ma, nonostante la ripresa economica e il programma di quantitative easing della BCE, i prestiti stentano a decollare. È quanto emerge dal nuovo Osservatorio su Credito e Rschio delle Imprese, realizzato da Assolombarda e Cerved, che confronta le performance della Lombardia con quelle di Emilia Romagna, Veneto e Piemonte.

I dati di Banca d’Italia parlano chiaro. Nel terzo trimestre 2017 i prestiti concessi a imprese lombarde si attestano a 222,5 miliardi, in leggero calo rispetto all’anno precedente (-0,1%), La gran parte di questi crediti sono destinati a imprese con almeno 20 addetti (l’87% del totale), mentre solamente il 13 % dei prestiti va a piccole imprese con meno di 20 addetti.

 

imprese della Lombardia prestiti

C’è da considerare che, al 30 settembre del 2017, in Lombardia sono entrati in sofferenza il 2,6% dei finanziamenti: il dato rimane a livelli storicamente elevati, ma in calo rispetto ai trimestri precedenti. Le imprese lombarde sopravvissute alla crisi continuano a rafforzarsi e a evidenziare profili più robusti.

Secondo il Cerved Group Score, un indice che sintetizza la probabilità di default delle imprese, a settembre 2017 il tessuto produttivo lombardo risulta più solido rispetto all’anno precedente, con una quota di imprese in area di sicurezza e di solvibilità che sale al 61,2% (59,8% la percentuale di settembre 2016). La Lombardia si contraddistingue inoltre per la percentuale maggiore di upgrade (imprese che hanno migliorato la propria classe di rischio, pari al 29,1%) e la più bassa di downgrade (imprese che l’hanno peggiorata, pari al 25,7%).

 

imprese della Lombardia rischio